DOLBY Surround che cos’è e come Funziona

dolby-surround

Il DOLBY surround è una tecnologia audio sviluppata dai laboratori Dolby che utilizza più canali audio trasmessi si una serie di altoparlanti per riprodurre l’audio. Ciò offre un’emulazione del suono più realistica rispetto alla tipica configurazione stereo. Più numeri (canali audio) vengono aggiunti a una determinata configurazione, più realistico è il suono che si ascolta.

Le configurazioni dei sistemi Dolby Surround piú utilizzate sono: 5.1, 7.1 e 9.1. Grande. Questi numeri indicano il numero di canali, ma cosa significano effettivamente? Il primo numero indica i diffusori standard.

Il secondo numero specifica quanti canali a bassa frequenza esistono (di solito uno soltanto utilizzato dal subwoofer). E’ trattato con un filtro passa basso e attenua le frequenze superiori a 120Hz . A volte ci sono dei sistemi DOLBY espressi con tre numeri (ad esempio 5.1.4). Il terzo numero indica l’uso di altoparlanti posti in alto o rivolti verso l’alto. Può sembrare eccessivo. Tuttavia, se si desidera sfruttare appieno la tecnologia Dolby Atmos , gli altoparlanti a soffitto facilitano un tracciamento audio più accurato (pensate ad un film in cui c’è una scena in cui aerei o elicotteri arrivano dall’ altro con il rombo dei motori).

Audyssey, un’azienda nota per il suo software di auto calibrazione presente in molti dei sintoamplificatori A/V odierni, ha una propria soluzione surround chiamata Audyssey DSX. DSX consente anche altoparlanti aggiuntivi oltre ai formati surround principali 5.1 e 7.1, upmixando segnali 5.1 e 7.1 per aggiungere più canali. Con l’aggiunta di canali anteriori di larghezza e altezza anteriori su un sistema 7.1, Audyssey consente 11.1 canali di suono surround.

Esempio tipico di una configurazione Dolby Surround:

  • 5.1 Abbiamo cinque casse e un subwoofer così divisi: 2 speaker frontali, 2 speaker posteriori, un canale centrale.
  • 7.1 Abbiamo sette casse e un subwoofer così divisi: 2 speaker frontali, 2 speaker posteriori, 2 speaker laterali, un canale centrale.
  • 9.1 Abbiamo cinque casse e un subwoofer così divisi: 2 speaker frontali, 2 speaker posteriori, 2 speaker laterali, 2 speaker a soffitto, un canale centrale.

Il Dolby Surround Wireless è particolarmente utile in ambienti in cui l’uso di cavi audio tradizionali sarebbe scomodo o poco pratico. Le cuffie wireless con supporto Dolby Surround, ad esempio, consentono di godere di un audio surround senza dover essere limitati da un cavo. Tuttavia, è importante notare che la qualità dell’esperienza audio dipende dalla compatibilità dei dispositivi e dalla qualità della connessione wireless utilizzata. Inoltre, i dispositivi devono supportare il formato audio Dolby per sfruttare appieno questa tecnologia.

La maggior parte delle configurazioni di altoparlanti surround wireless non sempre completamente wireless. Ciascun altoparlante deve comunque essere collegato a una presa per ricevere alimentazione. Invece di aver bisogno di lunghi cavi di segnale di interconnessione tra gli altoparlanti e il ricevitore, gli altoparlanti utilizzano un ricevitore wireless integrato per ricevere il segnale dal trasmettitore.

Dagli stessi laboratori che hanno prodotto la tecnologia surround è arrivato anche il DOLBY ATMOS. Si tratta di una nuova rivoluzione nella gestione del suono.

POTREBBE INTERESSARTI : Lettore bluray 4k nativo

Differenza tra Surround e Dolby Atmos

La differenza tra Dolby Atmos e il suono surround è nell’uso dei canali. L’audio rispetto al suono surround convenzionale è limitato ai canali 5.1 (cinque altoparlanti, un subwoofer) o 7.1 (sette altoparlanti, un subwoofer). In questo tipo di configurazione, puoi sentire un elicottero che si muove da destra a sinistra o viceversa, ma il sistema non può riprodurre il suono di qualcosa che vola sopra di te. La mancanza di libertà di posizione toglie al fattore di immersione generale.

Dolby Atmos elimina i canali e assegna gli oggetti sonori a un luogo. Ciò significa che se si verifica un suono nell’angolo in alto a destra della stanza, l’audio avrà una precisione spaziale invece di essere relegato all’altoparlante destro. E poiché gli altoparlanti compatibili con Atmos hanno driver integrati verso l’alto, hai il vantaggio aggiuntivo dell’altezza. Ciò si ottiene facendo rimbalzare il suono dal soffitto per replicare altoparlanti di altezza esorbitanti montati a soffitto. Non sarà potente come un vero altoparlante di altezza, ma è meglio di niente.

Atmos consente di gestire fino a 128 oggetti sonori distinti in una determinata scena, che possono essere indirizzati a un massimo di 64 altoparlanti diversi. E’ una magnifica esperienza che godiamo in modo totale in un cinema.

Surround 3D

Il surround 3D cerca di creare un senso di profondità aggiuntiva nell’audio, consentendo ai suoni di sembrare provenire non solo da diverse direzioni (come avviene nel classico audio surround) ma anche da diverse profondità. Questo significa che i suoni possono sembrare provenire sia da destra che dall’alto o dal basso, aggiungendo un livello di realismo e coinvolgimento ancora maggiore.

Per creare l’effetto 3D, il surround 3D può richiedere più canali audio rispetto al classico surround. Ad esempio, mentre un sistema audio surround tradizionale potrebbe utilizzare cinque o sette canali audio, i sistemi di surround 3D possono avere un numero maggiore di altoparlanti posizionati in varie direzioni, inclusi altoparlanti aggiuntivi per la riproduzione dell’audio dall’alto (come nel caso di Dolby Atmos).

Poiché questi canali non hanno più bisogno di estrapolare i propri segnali dall’audio trasmesso ad altri altoparlanti come accadeva con Pro Logic IIz 7.1, ottengono il proprio numero. Un sistema 5.1.2, ad esempio, presenterebbe i tradizionali cinque canali e un subwoofer, ma presenterebbe anche due altoparlanti aggiuntivi che aggiungono informazioni sull’altezza in stereo nella parte anteriore. Un sistema 5.1.4 aggiungerebbe quattro canali di altezza aggiuntivi a 5.1, di cui due nella parte anteriore, due nella parte posteriore e così via.

Casse Dolby surround

per godere dunque di un suono degno del cinema nella propria casa possiamo acquistare un sistema dolby surround composto da un subwoofer e dei satelliti. Il sistema ad esempio della JBL permette di avere tutto nella sound bar frontale, mentre i bassi potenti provengono dal subwoofer satellite.

Altrimenti c’è il sistema della LOGITECH 5.1 dotato di casse separate che vanno poste frontalmente e ai lati della postazione di visione-ascolto del film.

Che cos’è IL DTS SOUND

I concorrenti di Dolby non sono stati a guardare. E’ così nato il DTS, acronimo di Digital Theater Systems. I laboratori da cui è nata questa tecnologia si vantano che con il DTS:X si può produrre più feed audio individuale rispetto ad Atmos, che è limitato a 64 speaker. Ciò significa che, in teoria, i cinema possono aggiungere altoparlanti e amplificazione extra senza quasi limite di numero.

Ma con la crisi dei cinema la competizione tra le varie tecnologie audio si è spostata nell’ home theatre e nell’ intrattenimento digitale casalino. Sono stati sviluppati nuovi sistemi home theatre e cuffie surround che in alcuni casi “emulano” le varie tecnologie a livello software.

Anche la musica digitale sta ricevendo il trattamento Atmos, con una serie di servizi di streaming (Tidal, Spotify, Amazon Music e Apple Music, per citarne alcuni) che già sfruttano Dolby Atmos Music , una propaggine della sua tecnologia audio teatrale basata su oggetti.

Ovviamente nel frattempo sono scesi in campo altri concorrenti come il 360 ​​Reality Audio di Sony che cercheranno di sfidare Dolby e DTS per la supremazia sonora nei mesi e negli anni a venire.

Dolby Prologic

credevate che fosse finita qui la tecnologia sonora? Vi sbagliavate perchè dobbiamo fare un passo indietro e parlare del DOLBY PROLOGIC. Nato nel 1987 si è poi evoluto tanto che oggi abbiamo il DOLBY PROLOGIC II.

Utilizzando lo stesso suono a quattro canali a matrice del Pro Logic originale, Pro Logic II può creare un mix di suono surround 5.1 da una sorgente stereo. Pro Logic II ha anche un altro asso nella manica: può separare il segnale surround in canali stereo sinistro e destro invece della presentazione dual-mono del Pro Logic originale. Questa modalità di elaborazione viene comunemente utilizzata quando si guardano canali TV non HD con un mix audio solo stereo.

Pro Logic IIx

Se la tua sorgente video è presentata in surround 5.1 e il tuo sistema home theater supporta altoparlanti aggiuntivi, Pro Logic IIx può prendere quel mix ed espanderlo a 6.1 o 7.1. Pro Logic IIx è suddiviso in modalità film, musica e gioco.

Pro Logic IIz

Pro Logic IIz consente l’aggiunta di due altoparlanti “anteriori di altezza” posizionati sopra e tra gli altoparlanti stereo principali. Questa forma di elaborazione a matrice mira ad aggiungere più profondità e spazio a una colonna sonora emettendo suoni da una posizione completamente nuova nella stanza. Poiché l’elaborazione IIz può essere utilizzata con una colonna sonora 7.1, il formato risultante potrebbe essere chiamato 9.1.

Nonostante l’aggiunta di questi canali di altezza, Pro Logic IIz non consente un vero posizionamento 3D dei suoni. Per abilitarlo, avrai bisogno di Dolby Atmos o DTS:X , che descriviamo di seguito.

Soundbar Surround

le soundbar sono quelle “barre” che si mettono sotto al televisore per migliorarne l’audio. Solitamente sono soundbar 2.1 o 5.1. Ovvero all’ interno della barra ci sono vari speaker ognuno deputato ad un canale audio. Il miglioramento del suono c’è, ma non aspettatevi con 100 euro di avere un effetto surround degno di questo nome.

Le soundbar surround producono un suono eccellente, praticamente identico ai sistemi audio surround. L’unica area in cui non sono all’altezza di un sistema audio surround è la capacità di immergersi in una scena 3D.

Poiché le soundbar sono altoparlanti unidirezionali, non possono replicare completamente come un altoparlante surround fa sentire il suono all’orecchio umano. Questo è il motivo per cui una soundbar e un sistema home theatre surround non possono essere confrontati direttamente.

C’è da considerare che non potendo distanziare gli speaker non possiamo godere di un effetto surround visto che si trovano tutti all’ interno della soundbar.

Dolby Surround è disponibile su Netflix?

Sì, Netflix supporta lo streaming con audio Dolby Surround e Dolby Atmos su alcuni film e serie Tv ( hanno l’icona Dolby Digital Plus o l’icona 5.1). Ovviamente avrai bisogno di un sistema compatibile con Dolby Atmos e sottoscrivere il piano Premium Netflix; questo piano supporta inoltre lo streaming in Ultra HD, in quest’ultimo caso dovrai avere anche una Tv con una risoluzione tale per godere della migliore definizione video.

 

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*